ASSEMBLEA NAZIONALE PRECARI A ROMA - 2 MARZO

Roma -

Le iniziative del Governo predisposte in finanziaria per affrontare la questione precarietà mostrano oggi, che si sta iniziando l’iter burocratico per la loro applicazione, tutti i limiti che avevamo abbondantemente previsto e denunciato.

Da un Governo incapace di assumere una posizione univoca sulla questione precarietà sono scaturite norme parziali, incerte nell’iter e spesso contraddittorie.

Solo pochi lavoratori precari, i cosiddetti “storici”, sembrano andare incontro ad una stabilizzazione certa, frutto anche delle lotte di RdB che si è battuta contro l’ipotesi del concorso che ancora qualcuno tenta di rimettere in campo e sulla quale è necessario vigilare.

Per gli altri rimangono poche briciole e tanta incertezza. Il mondo del precariato è composito e la storia dei lavoratori precari è fisiologicamente frammentata, in tantissimi hanno cambiato spesso posto di lavoro, mansioni, o addirittura tipo di contratto. Ma tutti hanno dato e continuano a dare il proprio fondamentale contributo al funzionamento della Pubblica Amministrazione. Tutti hanno diritto ad un posto di lavoro stabile e garantito!

 

Noi continuiamo ad avere una sola parola d’ordine:

ASSUNTI TUTTI, ASSUNTI SUBITO,

ASSUNTI DAVVERO!

 

Con la manifestazione del 6 ottobre abbiamo imposto al Governo una parziale inversione di rotta con il riconoscimento della  necessità di trovare soluzioni per il problema della precarietà nel pubblico impiego, che non si è però tradotta nel necessario stanziamento di risorse per la trasformazione di tutti i precari della pubblica amministrazione. Adesso il Governo deve dare risposte concrete e complessive alle centinaia di migliaia di lavoratori precari sono stanchi di chiacchiere, di promesse e non si accontentano di “memorandum” che di fatto sono solo enunciazioni di principio che prendono in giro i lavoratori e servono unicamente a tenerli buoni.

 

I PRECARI PRETENDONO LA STABILIZZAZIONE!

 

Per questo dobbiamo proseguire sulla strada che abbiamo iniziato il 6 ottobre, con la stessa voglia di essere protagonisti del proprio futuro!

  • Per una sanatoria generalizzata e senza concorso
  • per lo stanziamento di risorse adeguate
  • per vigilare sui percorsi di stabilizzazione avviati con la finanziaria

ASSEMBLEA NAZIONALE

dei lavoratori precari, lsu

ed esternalizzati nelle pubbliche amministrazioni


VENERDÌ 2 MARZO 2007 ORE 9,00

CENTRO CONGRESSI “FRENTANI” – VIA FRENTANI 4 – ROMA

Partecipano: Sottosegretario P. Cento, Sottosegretaria R. Rinaldi, Sottosegretario G.P. Scanu; Sen. C. Salvi, Sen. M Palermi, On. F. Caruso

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni