UNIVERSITÀ: RIFORMA BOCCIATA DALLA PROTESTA, ORA SCIOPERO GENERALE. ALLA CRUI CONTESTATO DECLEVA

Roma -

Comunicato stampa

UNIVERSITÀ: USB, RIFORMA GELMINI È GIÀ BOCCIATA DALLA PROTESTA, ORA SCIOPERO GENERALE PER IMPORRE IL RITIRO DEFINITO DEL DDL

Dopo due intense giornate di lotta in tutta Italia contro il ddl Gelmini, USB Università chiede con forza il ritiro di una riforma che non è possibile migliorare, ma solo respingere in blocco.

In Parlamento, vecchie e nuove opposizioni devono seguire un comportamento lineare e trasparente, raccogliendo la protesta universitaria che ha già chiaramente bocciato il disegno di legge del Ministro Gelmini.

Il mondo universitario non ha bisogno di “passerelle” sui tetti, ma di una vera riforma che ridisegni dalle fondamenta l’Università, con investimenti nella ricerca e nella formazione, ed immediatamente conseguente all’annullamento dei tagli che oggi mettono in seria crisi gli atenei italiani.

USB Università rimane accanto agli studenti che rivendicano una Università pubblica, libera, indipendente, di eccellenza e per tutti, e chiede a tutte le rappresentanze di lavoratori, studenti, docenti, ricercatori e precari, coinvolte nella mobilitazione, di indire urgentemente lo sciopero generale dell’Università per imporre il ritiro definitivo della riforma Gelmini.

-----------------------------------------------------------------------------------

All'assemblea generale della CRUI contestate le dichiarazioni del Presidente Decleva: www.ilmessaggero.it/articolo_app.php=

-----------------------------------------------------------------------------------------------

La mobilitazione del 24-24 novembre sit-in in Piazza Montecitorio   link

-----------------------------------------------------------------------------------------------

La LISTA dei lavoratori universitari contro il DDL Gelmini  link

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni