LA "RIFORMA" GELMINI E' LEGGE: NEGLI ATENEI PARTE LA "GUERRA DEGLI STATUTI"

Roma -

 

RIPORTIAMO UNA PAGINA SULLA "GUERRA DEGLI STATUTI" SCOPPIATA NEGLI ATENEI A SEGUITO DELL'APPROVAZIONE DELLA "RIFORMA GELMINI" PER APRIRE UNA PAGINA TUTTA DEDICATA AGLI SVILUPPI E AI RISULTATI DEI LAVORARI DELLE COMMISSIONI STATUTO E OVVIAMENTE ALL'INIZIATIVA SINDACALE USB E DEI LAVORATORI.

-----------------------------------------------------

Mentre la "voce del padrone" si fa sentire attarverso il rettore Decleva, le componenti universitarie si organizzano per difendere il futuro dell'Università Pubblica e dei suoi operatori e del diritto allo Studio

da RdB-USB di Roma Tor Vergata

APPROVATA LA RIFORMA GELMINI, LA MOBILITAZIONE NON SI FERMA.
Verso il NUOVO Statuto

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio, la legge 240/2010 (Riforma dell’Università - cosiddetta Gelmini) entra in vigore il 29 gennaio.
 Anche se la legge prevede l’emanazione successiva di 42 provvedimenti legislativi per essere completamente attuata, entro 6 mesi dall’entrata in vigore le università devono adeguare lo statuto alla nuova normativa.  E in quasi tutti gli Atenei, i Rettori si stanno adoperando, celermente, per istituire  la “Commissione” (composta da 15 elementi, di cui 6 nominati dal Senato Accademico e 6 dal CdA, 2 studenti e il Rettore che la presiede): una sorta di organo costituente con il compito di redigere il nuovo Statuto.

In alcuni atenei, associazioni e comitati di ricercatori  e professori associati, le  RSU si stanno mobilitando con petizioni e raccolta di firme per chiedere ai Rettori, a  garanzia dei livelli di democrazia negli atenei,  che  la Commissione sia costituita attraverso l’eleggibilità dei componenti che devono assicurare la rappresentanza di tutte le categorie.

Questa è pure la linea che USB-Università ha deciso di portare avanti nelle sedi dove è presente.

Abbiamo notizie dall’Università di Palermo, dalla Statale di Milano (dove ieri si è tenuta un’assemblea dei sindacati, rsu e rappresentanti del personale in SA e CDA), dal Politecnico di Torino, dove le RSU hanno emesso un comunicato (che alleghiamo).


A Trieste l’assemblea convocata dal Rettore ha approvato una mozione che stabilisce la preventiva individuazione dei componenti con metodo elettivo. 

Anche  a Tor Vergata, su iniziativa di alcuni ricercatori, si sta discutendo sia nel merito della designazione dei membri della Commissione, sia nel merito dello statuto. E’ stata indetta una riunione, aperta a tutti coloro che sono interessati, per Mercoledì 26 Gennaio alle ore 13 in un'aula e una Facoltà che al più presto saranno comunicate dai promotori.

Ora è bene spendere qualche parola in più sulla vicenda. Perchè il   personale tecnico-amministrativo dovrebbe essere interessato? 

Noi crediamo che dar battaglia sull'elettività e rappresentanza di tutte le componenti negli organi di governo sia un principio di democrazia imprescindibile,  che sta al centro del  percorso di contestazione del DDL Gelmini.  Soprattutto bisogna reclamare che - legge o non legge - gli organi accademici si confrontino con tutti coloro che  nell’ateneo ci lavorano e pretendere che anche i nuovi organi siano elettivi.

In particolare a Tor Vergata, il personale - ancora  chiamato “non docente" -  deve far  pesare la questione della sua  espulsione  dal CdA   e riprendersi parte della dignità che gli è stata negata.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni