SAPIENZA. EMERGENZA NEVE: ALLA FINE SONO SEMPRE I LAVORATORI A PAGARE ?

Roma -

EMERGENZA NEVE: ALLA FINE SONO SEMPRE I LAVORATORI A PAGARE ?

E' sotto gli occhi di tutti, la storia dell'emergenza neve a Roma è stata gestita da tutte le autorità preposte in modo disastroso. Per incapacità, sottovalutazione o semplicemente per la volontà di non spendere soldi pubblici a tutela dell'incolumità e dei diritti dei cittadini, una intera città come Roma è stata lasciata allo sbando.

Ma come finisce questa bella storia? Malissimo per i lavoratori perchè, come sempre, ora a loro si vuole far pagare il conto. Di seguito la lettera che abbiamo inviato al Direttore Generale e, in allegato, un documento che affronta la questione con chiarezza e linearità rispetto alle disposizioni impartite dalle autorità preposte.

USB PI Università Sapienza

*******************************************************

Roma, 21 febbraio 2012

Al Direttore Generale

Dr. Carlo Musto D'Amore

Università degli Studi di Roma Sapienza


Oggetto: Chiusura Uffici pubblici a seguito di ordinanza prefettizia per emergenza maltempo. Nota del Direttore Generale n. 10332 del 17.02.2012

In riferimento alla comunicazione di cui all'oggetto, questa O.S. contesta le disposizioni che obbligano il personale assente al ricorso ai permessi personali o ferie per giustificare le assenze conseguenti alla chiusura degli uffici pubblici disposta dalle ordinanze prefettizie.

Chiede, pertanto, che venga data disposizione agli Uffici Rilevazione Presenze per la copertura oraria del personale assente, non riscontrando necessità alcuna di attendere ulteriori indicazioni dalle Autorità competenti. Si rimarca, difatti, che le ordinanze in argomento sono state pubblicate sul sito della Prefettura-Ministero dell'Interno in allegato ai primi e successivi avvisi, in cui peraltro si disponeva la giustificazione per i lavoratori della pubblica amministrazione:

"Si rammenta che, in considerazione delle previsioni meteorologiche per le prossime 24 ore, il Prefetto in data di ieri ha prorogato a tutta la giornata di lunedì 6 febbraio la chiusura di tutti gli Uffici Pubblici di Roma e provincia compresi Tribunali e Corte di Cassazione. Le assenze del personale addetto saranno quindi giustificate dall'ordinanza prefettizia notificata alle pubbliche amministrazioni."

Tra l'altro anche il CCNL, art.30 comma 7,  regolamenta il diritto dei lavoratori ad ulteriori permessi previsti da specifiche disposizioni.

Per esigenza di equità e trasparenza, infine, questa O.S. sottolinea la manifesta illogicità rilevata nella ingiustificata disparità di trattamento del personale di codesta università rispetto a quello  adottato nei confronti dei dipendenti degli altri uffici pubblici.

Si chiede sollecito riscontro.

Esecutivo Nazionale USB PI - Università

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni